Prezzi impianto fotovoltaico: quali sono le voci di costo e quanto incidono.

Realizzare un impianto fotovoltaico conviene, anche se le operazioni da compiere sono diverse, così come i costi iniziali da affrontare.
Perché l’investimento dia veramente i suoi frutti è meglio non correre rischi e valutare bene tutti i dettagli. E in pochi anni la spesa sarà ripagata.

Per questo, EVA ha pensato alle tue esigenze proponendoti una formula unica: un impianto fotovoltaico a costo zero con la possibilità di accedere subito alla detrazione Irpef fotovoltaico, senza pensieri.

Costo pannelli fotovoltaici

Il prezzo dei pannelli solari può variare sensibilmente a seconda della tecnologia impiegata (monocristallini, policristallini o a film sottile) e in media possiamo considerare per un impianto da 3 o 5 kW un costo dei pannelli compreso tra i 2.000 € ai 3.700 € .

Strutture di supporto e quadri elettrici

In base al tipo di installazione, su tetto (a falda, a farfalla, a dente di sega, piano), in terrazza o in cortile, dovrà essere studiato un supporto adatto a garantire solidità e la giusta inclinazione.

Per un impianto standard in grado di generare fino a 5 kW è possibile prevedere una spesa che varia dai 1.100 € ai 2.000 €.


Progettazione e supervisione lavori

Il rendimento impianto fotovoltaico dipende dalla qualità della progettazione.

Tutto va considerato attentamente (orientamento, ubicazione, contesto, materiali) e ottimizzato a seconda del caso specifico e ogni aspetto progettuale deve essere tradotto in pratica senza errori.

Per un impianto fino a 5 kW, il costo varia dai 400 € ai 1.000 € .


Posa

L’installazione di un impianto fotovoltaico è una delle fasi più delicate.

E’ il momento in cui dal progetto si passa al cantiere vero e proprio e richiede un alto livello di professionalità ed esperienza.

Il costo di questo intervento oscilla tra i 2.000 € ai 3.600 € in base al tipo d’impianto.


Inverter

Essenziale in qualsiasi impianto per trasformare la corrente continua in alternata, un inverter per unità residenziale può costare dai 1.000 € ai 1.700 €.


Pratiche amministrative

Per il disbrigo delle pratiche il costo è compreso tra 400 € e 600 €, a cui si sommano 100 € per l’allaccio alla rete Enel e un costo aggiuntivo calcolato in base a potenza dell’impianto e distanza dal punto di connessione (escluso dal presente calcolo), che può arrivare anche a 2.000 € in caso di installazioni in luoghi molto isolati.


Assicurazione

Come ogni investimento, anche il valore di un impianto fotovoltaico va protetto con una polizza assicurativa, per un importo di circa 50 €. E la tua casa vale di più.


Prezzo impianto fotovoltaico: quanto devo investire?

Escludendo la manutenzione ordinaria e sommando tutte le voci di costo, l’investimento iniziale per realizzare un impianto fotovoltaico fino a 5 kW è compreso tra i 7.000 € e 12.000 €.

Un costo che può essere ammortizzato in 10 anni sfruttando il bonus fiscale fotovoltaico, ma che l’utente deve essere in grado di anticipare all’installatore.


Con EVA invece ti liberi da ogni onere e inizi a godere dei benefici della detrazione da subito, senza pensieri.

Tabella Riepilogativa costi impianto fotovoltaico

Potenza Impianto
Progettazione
Posa
Costo pannelli
Inverter
Quadri elettrici
Pratiche
Potenza Impianto
3 kW / 5 kW
Progettazione
400 € / 1.000 €
Posa
2.000 € / 3.600 €
Costo pannelli
2.000 € / 3.700 €
Inverter
1.000 € / 1.700 €
Quadri elettrici
1.100 € / 2.000 €
Pratiche
400 € / 2.000 €

Cos’è e come funziona un impianto fotovoltaico: benefici di una tecnologia davvero green.

Cerchiamo spesso informazioni su kW pannelli fotovoltaici, risparmio impianto fotovoltaico o installazione pannelli fotovoltaici; ma come funziona questa tecnologia che vediamo così spesso sui tetti delle case?

Se c’è una fonte di energia 100% rinnovabile che permette di sfruttare una risorsa naturale senza conseguenze per l’ambiente e contribuendo alla riduzione delle emissioni, questa è l’energia solare.

Il fotovoltaico consente di trasformare direttamente la luce del sole in elettricità, grazie a pannelli costituiti da celle di semiconduttori in grado di sfruttare l’effetto fotovoltaico, ovvero stimolando gli elettroni degli atomi di silicio, materiale di cui è composta la cella.

In pratica, i fotoni (le particelle che costituiscono la luce) colpiscono la cella trasferendo la loro energia agli elettroni del silicio, che entrano nel circuito producendo corrente continua.

La corrente continua ricavata sarà poi convertita in alternata dall’inverter installato nell’impianto, che la renderà così disponibile all’utilizzo e al trasporto.


Pannelli fotovoltaici: benefici e vantaggi a costo zero grazie all’offerta EVA. E il risparmio è immediato

In che misura un impianto fotovoltaico conviene dipende da molti fattori, come la tecnologia impiegata, il tipo di installazione, il posizionamento dei pannelli solari e la manutenzione.

Con EVA di tutto questo non dovrai più preoccuparti: pensiamo a tutto noi e tu inizi a risparmiare subito grazie alla detrazione fiscale Irpef del 50%. E senza spendere un Euro.


Superbonus casa 110 per cento: l’occasione da non perdere per ristrutturare casa

Oggi è possibile usufruire della detrazione del 110% prevista dal Decreto Rilancio, un vantaggio che si estende anche al fotovoltaico, se associato almeno a uno degli interventi principali.

L’ultima novità in materia di sgravi fiscali si chiama superbonus casa 110 per cento, misura introdotta a maggio 2020 dal Decreto Rilancio e valida dal 31 luglio 2020 al 31 dicembre 2021

Con il superbonus casa 110 per cento è possibile ottenere una detrazione Irpef pari al 110% dell’importo complessivo dei lavori di efficientamento energetico, quali interventi di isolamento termico e di sostituzione dei vecchi impianti di climatizzazione.

In più è possibile associare a questi interventi – definiti ‘interventi trainanti’ – anche una serie di opere complementari come appunto l’installazione di un impianto fotovoltaico domestico o condiviso, anche con accumulo e pompa di calore, estendendo di fatto l’agevolazione dal 50 al 110%.


Efficienza di un impianto: quali sono i fattori che influiscono su funzionamento, rendimento e durata pannelli fotovoltaici?

Calcolare esattamente il rendimento di un impianto fotovoltaico è un’operazione complessa: i fattori in gioco sono tanti, a partire dalla tecnologia utilizzata.

Noi di EVA Energie siamo specialisti nella valutazione approfondita delle specifiche della tua abitazione e delle esigenze energetiche della tua famiglia.

Non dovrai fare nulla: dell’installazione pannelli fotovoltaici si occuperanno i nostri tecnici, senza disturbarti e senza entrare in casa.


La scelta del pannello solare ed i fattori ambientali

Non tutti i moduli fotovoltaici sono uguali. In commercio se ne trovano di varie tipologie, ma le principali sono tre, differenti per prestazioni, condizioni di utilizzo e costi.

Oltre al modello di pannello solare, a determinare il rendimento di un impianto fotovoltaico concorrono anche variabili legate all’ubicazione geografica e alla manutenzione generale.

Monocristallini

Si caratterizzano per una maggiore purezza del silicio e sono formati da celle costituite da un solo cristallo circolare o ottagonale del diametro di circa 10 cm e di colore variabile tra il blu scuro e il nero.

Sono i più costosi ma anche i più efficienti, con una resa che può arrivare al 19%, caratteristica che li rende ideali quando si hanno a disposizione superfici ridotte.

Policristallini

Le celle dei moduli al silicio policristallino sono costituite da un insieme di più cristalli di silicio.

Hanno un costo inferiore e una resa che si aggira intorno al 10/12% (a fronte di una superficie fino a un terzo maggiore rispetto ai monocristallini). ll modulo policristallino rappresenta infatti un ottimo compromesso tra costi, superficie occupata, rendimento produttivo ed efficienza.

Thin-film

Una soluzione versatile e più economica, anche se oggi sempre meno adottata in impianti nuovi a causa del minor rendimento (4/8%) e della necessità di superfici molto estese (circa il doppio rispetto agli impianti a moduli monocristallini).

Orientamento pannelli

L’ installazione di un impianto fotovoltaico ottimale prevede l’orientamento dei pannelli a sud, con un’inclinazione di circa 30 gradi.

Posizione geografica

Tra i paesi europei, l’Italia è sicuramente tra quelli che meglio possono sfruttare l’energia solare, ma esistono differenze consistenti a seconda di dove ci si trova

La produzione media di un impianto (per kW installato) al nord è di circa 1.000/1.100 kWh annui, mentre in regioni come la Calabria, la Sicilia e la Sardegna si possono superare facilmente anche i 1.500 kWh/anno

Temperatura di esercizio

Contrariamente a quanto si possa pensare, i moduli fotovoltaici lavorano al meglio a temperature intorno ai 25°C, mentre le performance si riducono a temperature elevate.

Ombreggiamento

Eseguire correttamente l’installazione impianto fotovoltaico significa tenere conto di fattori come la presenza di alberi, antenne, camini o altri edifici e strutture fisse in grado di sottrarre anche in minima parte la luce solare ai pannelli.

Si tratta di inefficienze che spesso non possono essere eliminate, ma di cui si deve tenere conto nel calcolo dell’efficienza dell’impianto, al fine di individuare di volta in volta la soluzione più adeguata, utilizzando per esempio tecnologie come gli inverter, in grado di ridurre l’incidenza dell’ombreggiamento sulla resa generale.

Pulizia dei pannelli

L’accumulo di materiali come foglie, rami, terra, sabbia, guano o smog può ridurre sensibilmente il rendimento dell' impianto fotovoltaico.

La pulizia non è solo un fatto estetico, ma soprattutto funzionale per mantenere i pannelli sgombri e in grado di produrre al massimo della loro capacità.

Manutenzione

Con EVA l’importo della tua bolletta non cambia e all’efficienza del tuo impianto pensiamo noi, con interventi di manutenzione ordinaria e straordinaria non invasivi e senza entrare in casa tua.

Risparmio pannelli fotovoltaici: con EVA l’energia solare conviene ancora di più.

Passare al solare non è solo una scelta responsabile finalizzata a ridurre il proprio impatto sull’ambiente.

Un impianto fotovoltaico conviene anche perché è un modo intelligente per abbattere i costi dei consumi energetici domestici, usufruendo di vantaggi importanti come il bonus fiscale fotovoltaico.

Detrazione Irpef fotovoltaico

Ottime notizie per chi decide di installare dei pannelli fotovoltaici: benefici come il bonus Irpef sono stati estesi anche al 2020 nell’ambito degli incentivi per le opere di ristrutturazione.

La detrazione fiscale fotovoltaico è pari al 50% del costo totale di impianti e sistemi di accumulo e al 65% per quanto riguarda le pompe di calore.

L’importo massimo di spesa è di 96 mila Euro, e la metà (cioè fino a 48 mila) è detraibile dall’imposta Irpef nei dieci anni seguenti all’installazione.


Detrazione Irpef superbonus 2020

Se oltre a installare un nuovo impianto fotovoltaico vuoi anche ristrutturare casa allora è il momento giusto.

Grazie al Decreto Rilancio la detrazione sale fino al 110% per tutti gli interventi di miglioramento dell’efficienza energetica e si estende anche a pannelli solari, sistemi di accumulo e pompe di calore se realizzati congiuntamente alle opere principali.

Eva ti viene incontro assorbendo il tuo credito fiscale e occupandosi di progettare e realizzare per te tutte le opere, dall’isolamento termico alla sostituzione di finestre, infissi e impianti, oltre all’installazione dei pannelli solari.


Energia cara, tecnologia a portata di mano

Con differenze anche sostanziali legate a consumi, tipo di impianto, tariffe e fasce orarie, oggi in Italia un kWh costa in media 0,30 Euro.

Negli ultimi anni il prezzo ha continuato a crescere, mentre il costo di un impianto fotovoltaico è diminuito drasticamente: se quindici anni fa servivano quasi 10 mila Euro per ogni kW, oggi si può avere un impianto di ultima generazione altamente performante con circa di 2.000 €/kW.

L’autoconsumo

Uno dei principali benefici di un impianto fotovoltaico è dato dalla possibilità di ridurre il prelievo di energia dalla rete, consumando quella prodotta dai pannelli solari e quindi riducendo in modo consistente le bollette per la fornitura elettrica.

Inoltre, integrando un sistema di accumulo all’inverter, è possibile immagazzinare l’energia prodotta di giorno e utilizzarla di notte, unendo così i vantaggi dell’autoconsumo istantaneo a quelli dell’autoconsumo differito.

Lo scambio sul posto

A sostegno degli impianti domestici, il Gestore dei Servizi Energetici (GSE) offre la possibilità di immettere in rete l’energia in eccesso per poi usufruirne in un momento successivo.

In sostanza, la rete elettrica funziona come un sistema virtuale di accumulo e il GSE eroga un contributo a kWh calcolato in base alla quantità di energia immessa e prelevata.

Attenzione!

Il contributo erogato dal GSE è comunque inferiore al costo medio di un kWh prelevato dalla rete: di conseguenza è più conveniente utilizzare l’energia prodotta dal proprio impianto, ricorrendo quindi all’autoconsumo istantaneo o differito (mediante impianto fotovoltaico con accumulo)

Dimensioni e kW pannelli fotovoltaici: come calcolare la potenza dell’impianto in base ai consumi.

Prima di effettuare l’installazione pannelli fotovoltaici è necessario fare una stima di quanti kW saranno necessari per coprire le esigenze energetiche del nucleo famigliare.

In media, il consumo annuo si calcola in 500 kWh + 700 kWh per ogni componente della casa. Quindi se vivi solo il tuo consumo sarà 1.000 kWh, se siete in due 1.500, in tre 2.000, in quattro 3.000 e così via.

Quantificato il consumo, dovremo tenere conto che per ogni kW di potenza avremo bisogno di 7/9 metri quadrati di superficie con pannelli monocristallini, fino a 11 invece se utilizziamo moduli policristallini.

Di conseguenza, per un impianto domestico di una famiglia standard da 3 kW sarà necessaria una superficie che può variare da un minimo di 21 a un massimo di 33 metri quadrati, a seconda della tecnologia adottata.

Durata pannelli fotovoltaici: da cosa dipende e quando sostituirli.

Così come il rendimento, anche la vita di un impianto fotovoltaico dipenderà dalla qualità dei componenti installati e dalla manutenzione. In generale, il calo di prestazioni fisiologico di un modulo fotovoltaico è di circa l’1% annuo (un po’ meno per quelli in silicio monocristallino) e i produttori di pannelli tendono a garantire una vita di 20 anni, anche se ci sono casi di impianti anche di 25 o 30 ancora performanti.


Impianto fotovoltaico con accumulo: la soluzione che conviene.

Spesso la maggior parte del consumo di energia elettrica avviene di notte, quando i pannelli solari non producono, rendendo necessario attingere alla rete. Installando un impianto fotovoltaico con accumulo è possibile immagazzinare l’energia in eccesso prodotta di giorno – invece di immetterla nella rete elettrica con il sistema dello scambio sul posto – e utilizzarla di sera e di notte, con vantaggi economici considerevoli.

Anche i sistemi di accumulo possono rientrare nel superbonus 110 per cento se installati insieme ai pannelli fotovoltaici, congiuntamente alle opere trainanti di implementazione energetica indicate dal Decreto Rilancio.

Impianto fotovoltaico con pompa di calore

Ti piacerebbe avere riscaldamento d’inverno, climatizzazione d’estate e acqua calda sempre, il tutto da energia pulita?

E magari risparmiare? Abbinando a un impianto a pannelli solari una pompa di calore è possibile dire addio al gas, sfruttando al 100% i benefici del fotovoltaico. Inoltre, l’installazione di un impianto fotovoltaico con pompa di calore rientra negli interventi complementari che, se effettuati insieme alle opere principali di efficientamento energetico, consentono di usufruire del superbonus 110 per cento.

Vuoi sostituire il tuo vecchio impianto di riscaldamento o condizionamento con un impianto fotovoltaico con pompa di calore?


Colonnina ricarica fotovoltaico

L’energia pulita è il futuro, anche nel campo della mobilità.

Una colonnina posizionata direttamente in garage o in cortile ti consente di ricaricare l’auto, la moto, la bici e il monopattino, a vantaggio dell’ambiente e con un notevole risparmio.

Anche l’installazione di una colonnina ricarica fotovoltaico è tra gli interventi secondari indicati dal Decreto Rilancio per accedere al superbonus 110 per cento.

Con l’offerta EVA la tua colonnina ricarica fotovoltaico è compresa nell’offerta.


Fotovoltaico: energia pulita con EVA Energie

Smettere di dipendere dall’energia generata da combustibili fossili oggi è possibile.

Il fotovoltaico è una scelta di responsabilità: quella di ridurre il proprio impatto sull’ambiente, cominciando proprio dai consumi domestici.

Con un impianto fotovoltaico domestico contribuisci a ridurre le emissioni di CO2 in atmosfera, a migliorare l’aria che respiriamo e a difendere l’ecosistema in cui viviamo.

EVA vuol dire energia pulita.


Richiedi informazioni senza impegno